Tecniche & Teorie

⇐ fotografia terapeutica

Jo Spence Memorial Archive.

Esistono molte tecniche diverse, e mentre alcune sfruttano appieno la disciplina della fotografia (cioè cliente e terapeuta si impegnano insieme in sessioni fotografiche), altre si limitano a utilizzare le fotografie come prodotto finito.

In questa pagina : #fotografia rievocativa#lavoro sull’immagine corporea #5tecniche

Fototerapia rievocativa: Jo Spence e Rosy Martin

Jo Spence e Rosy Martin erano due fotografe inglesi che operavano a Londra negli anni Ottanta. Svilupparono una pratica che inizialmente definirono “Re-enactment Phototherapy”. Alla base c’era un nuovo sguardo sull’album di famiglia, come quello che si trovava nelle loro case.

Intorno al 1980 a Jo Spence fu diagnosticato un cancro al seno. Reagì alla malattia e al trattamento attraverso la fotografia, incanalando i suoi sentimenti sul cancro al seno e sulla medicina ortodossa
“Attraverso la fototerapia ha cercato di recuperare l’individualità di cui il trattamento contro il cancro l’aveva privata.”. (C.Hagen: 1991)


A un’attenta analisi, l’album di famiglia è apparso più rivelatore nel mostrare le assenze, piuttosto che le presenze. Assenze non solo di persone (chi sta scattando la fotografia? Chi è stato escluso da questa particolare foto di gruppo di famiglia?), ma anche della moltitudine di identità che sono state lasciate fuori a favore di un’unica, eletta, immagine iconica.

Iniziarono analizzando la percezione che il cliente ha di sé e mettendo in discussione qualsiasi costruzione o presupposto che possa essere stato messo in atto nella visione che il cliente ha di sé.
Poi proseguirono creando immagini che esploravano la molteplicità delle loro identità,

L’ analisi dell’album di famiglia solleva anche la questione della costruzione dell’identità e di chi sia il creatore di questa costruzione, il creatore di significato. Una volta individuato questo aspetto, il terapeuta e il cliente passano a esplorare la storia del cliente dal punto di vista di quest’ultimo. La narrazione passa da un cliente che “legge” l’album di famiglia come storia della sua vita a un cliente che crea la narrazione e racconta la propria storia. 

Oltre alla fototerapia rievocativa, un’altra tecnica utilizzata da Spence e Martin è l’esplorazione dell’album di famiglia. I clienti portano alla seduta alcune fotografie del loro album di famiglia che sono particolarmente significative per loro, e queste vengono usate, tra l’altro, per far riaffiorare ricordi a lungo dimenticati o sepolti. ampliando le possibili letture.

Il suo lavoro di fototerapia sulla malattia solleva diverse questioni importanti basate sulla sua esperienza di trattamento del cancro, offrendo una visione unica del punto di vista di un paziente per coloro che lavorano nella professione medica. Era particolarmente interessata alle dinamiche di potere del rapporto medico/paziente e al ruolo dell’istituzione sanitaria nell’infantilizzazione dei pazienti. Jo Spence ha reagito a questa situazione decidendo di documentare ciò che le stava accadendo attraverso delle registrazioni fotografiche, diventando così il soggetto attivo della propria indagine, piuttosto che l’oggetto del discorso medico dei medici.

Archetipo_1 © 2022 Manuela Luise

In questa pagina : #lavoro sull’immagine corporea #5tecniche

Creare un’immagine corporea positiva: Ellen Fisher Turk

La fotografa newyorkese Ellen Fisher Turk aiuta le donne a superare la scarsa immagine corporea che deriva da disturbi alimentari e abusi sessuali. Ha lavorato anche con pazienti affetti da cancro. 

Le donne iniziano a fotografare vestite e si spogliano durante la seduta. La fototerapia è il modo in cui le donne si riappropriano della valutazione di ciò che è bellezza, utilizza le immagini multiple di una donna per modificare la sua percezione negativa di sé. Essendo viste e non giudicate, essendo fotografate nude e vedendo ciò che hanno più paura di vedere, le donne hanno l’opportunità di ricostruire il modo in cui vedono se stesse.

L’idea è che mostrando alle donne che soffrono di anoressia, bulimia e problemi di alimentazione eccessiva alcune immagini ben fatte di loro stesse, possa aiutarle ad accettare il proprio corpo“Anche se ci sono solo alcuni fotogrammi che piacciono a una donna”, dice Turk, “penserà che ci deve essere qualcosa di bello in lei”. (E.Fisher-Turk:2011/a)

Pare che l’idea sia nata quando Lisa Berkley (la compagna del lafotografa), vittima di uno stupro, si è rivolta all’amica chiedendo di posare nuda. Sperava che vedere il suo corpo sotto una nuova luce potesse migliorare l’immagine che aveva di sé; che una sessione fotografica rassicurante avrebbe cancellato i sentimenti negativi che provava nei confronti del suo corpo, “catturato” con la violenza anni prima.

Fisher-Turk dice: “Ben presto divenne evidente che il modo in cui io la vedevo era diverso da quello in cui lei si vedeva. Gradualmente ha iniziato a descriversi come avrei fatto io”. Ha funzionato e gradualmente la fotocamera ha cambiato il modo in cui Berkley si vedeva.

Da allora Ellen Fisher Turk ha utilizzato la stessa tecnica con più di 100 donne. La fotografa newyorkese sta ora aiutando altre donne a confrontarsi con i loro problemi e a sviluppare un’immagine più positiva attraverso la fotografia e la tenuta di un diario; in alcuni casi, questo metodo sembra riuscire laddove la terapia tradizionale ha fallito. (A. Worden: 1998) “

In questa pagina : #fotografia rievocativa#5tecniche

Le cinque tecniche: Judy Weiser

Le cinque tecniche delineate nel suo libro sono: 1) Il processo proiettivo, 2) Lavorare con gli autoritratti, 3) Lavorare con le foto dei clienti scattate da altre persone, 4) Lavorare con le foto scattate o raccolte dai clienti e 5) Lavorare con l’album di famiglia e altre foto autobiografiche.

Nella maggior parte delle tecniche di fototerapia di Judy Weiser le fotografie stampate sono utilizzate come oggetti esterni per aiutare il terapeuta (qualificato) a far emergere la realtà interiorizzata del cliente.
Come lei stessa ha spiegato, “Una persona che cerca il significato di una data fotografia non sarà mai in grado di trovare la verità che essa contiene per chiunque altro. In questa presunta limitazione risiede il potere delle istantanee come strumenti terapeutici per accedere a sentimenti inconsci, pensieri, ricordi, valori personali e credenze profondamente radicate.” (Weiser: 1993)


Judy Weiser è l’autrice di un manuale di fototerapia best-seller intitolato “Phototherapy Techniques – Exploring the Secrets of Personal Snapshots and Family Albums”. La Weiser risiede in Canada ed è la fondatrice e direttrice del Centro di Fototerapia di Vancouver. Ha fatto più di chiunque altro sul pianeta per diffondere le informazioni sulla Fototerapia, dedicando il suo tempo all’insegnamento di seminari, aiutando gli studenti interessati all’argomento in tutto il mondo e creando strumenti (come il sito web del Centro di Fototerapia, www.Phototherapy- centre.com e, più recentemente, una pagina di Fototerapia su Facebook) per aiutare gli operatori di tutto il mondo a incontrarsi e a condividere le esperienze sul loro lavoro. Inizialmente praticante di fototerapia, ora si dedica completamente alle lezioni e alle conferenze sull’argomento.

Weiser ha iniziato a lavorare come terapeuta della salute mentale e ha cominciato a incorporare le fotografie nella sua pratica per caso, all’inizio della sua carriera, mentre si stava formando per diventare counselor, quando alcune delle sue fotografie scattate come “fotografa per hobby” sono state esposte in una galleria di caffè locale. Dopo aver conversato con alcune persone che discutevano delle sue fotografie e aver capito che non sapevano che fosse lei l’autrice, Weiser ha iniziato a fare domande sulle immagini: “Ho iniziato a chiedere loro quale foto gli piacesse e perché gli piacesse, cosa pensassero che le persone avrebbero detto se avessero potuto parlare, quale avrebbero voluto portare a casa e perché e quale li avesse fatti ridere… Ero così stupita da come vedevano le mie foto in modo diverso che mi sono incuriosita sempre di più”. (L. Granato: 1998)

Le tecniche della Weiser si basano sulle reazioni molto forti che i clienti spesso hanno di fronte alle immagini. La maggior parte delle sue tecniche si basa sul fatto che il cliente e il terapeuta guardano insieme le fotografie e ne parlano, ma a volte nella sua pratica vengono scattate delle fotografie, per lo più autoritratti del cliente. L’autoritratto non è usato solo in senso letterale: al cliente può essere chiesto di fotografare oggetti o “cose” che lo rappresentano, oppure – nella tecnica proiettiva in cui terapeuta e cliente guardano insieme molte fotografie – al cliente può essere chiesto di scegliere una fotografia che ritiene lo rappresenti davvero, da una pila di immagini sulla scrivania del terapeuta.

© 2022 Manuela Luise

Clicca per: contatti〰️costi&dove〰️metodo〰️fototerapia

🇬🇧 Click for EN

Copyrighted Image © 2022 Manuela Luise